Slow-Food-Promozione_logo_big

MERCOLEDI 12 APRILE

Ore 10.30

Focus: cosa sono i Presìdi Slow Food

Nati alla fine degli anni ’90, oggi i Presìdi Slow Food sono 517 in 5 continenti (278 in Italia). A circa 20 anni di distanza dal suo avvio, questo progetto rappresenta ancora oggi una esperienza altamente innovativa per valorizzare produzioni alimentari a rischio di estinzione, recuperandole dall’oblio e restituendo loro la possibilità di trovare un mercato.
Interviene Francesca Baldereschi, responsabile del progetto Presìdi Slow Food in Italia.
Conferenza in lingua italiana.


Ore 15.00

Economia e finanza in movimento: il fondo d’investimento Agrifood One si presenta

Nonostante il grande successo di cui gode, il Made in Italy alimentare non ha ancora trovato, ad oggi, gli strumenti finanziari più idonei a supportarne lo sviluppo. Uno sviluppo dai tempi lunghi, lungimirante e pragmatico. Agrifood One nasce con l’obiettivo di colmare questo vuoto e indirizzare risorse economiche nelle piccole e medie imprese italiane dell’agroalimentare, con l’obiettivo di sostenere processo virtuosi di crescita.
Interviene Filippo La Scala, amministratore delegato di Garnell.
Conferenza in lingua italiana.

GIOVEDI 13 APRILE

Ore 10.30

Foodscovery: un mercato online al servizio di produttori e operatori professionali

Il futuro della distribuzione alimentare passa anche per la rete. Foodscovery agisce come infrastruttura on-line di consegna e offre ai propri produttori un servizio di customer care dedicato, con gestione delle giacenze di magazzino e di ritiri e consegne. Allo stesso tempo offre ai clienti business gestione degli ordini e dei pagamenti, in un catalogo di assoluta eccellenza e in continuo sviluppo.
Interviene Fabio Di Gioia, amministratore delegato di Foodquote.
Conferenza in lingua italiana.


Ore 15.00

Nuove figure professionali in ambito food

In questo momento di forte cambiamento le aziende del settore food necessitano di nuove figure professionali in grado di affrontare importanti sfide. GI Group porta la sua testimonianza su quali profili le aziende del settore stanno ricercando e quali sono le loro esigenze, mentre l’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo racconta, anche attraverso l’esperienza dei propri ex studenti, come i dottori in Scienze Gastronomiche possano creare innovazione nei diversi ambiti della filiera: dalla produzione, alla trasformazione fino alla ristorazione e distribuzione.
Intervengono: Stefano Butti, GI Group; Paolo Vanni, Career Office UniSG.
Conferenza in lingua italiana.