CRM Spa: la piadina che sa piacere ai consumatori

CRM Spa: la piadina che sa piacere ai consumatori

CRM Spa nasce nel 1974 dall’esperienza congiunta di Renzo Montagnani e Carla Rebecchi, accrescendo la propria expertise per quasi 50 anni circa il mondo della piadina, prodotto genuino molto legato alla tradizione. Nel 2018 la società di private equity Aksia group SGR Spa, tramite il fondo Aksia, ha acquisito il pieno controllo della CRM: questo ha portato la società ad una riorganizzazione aziendale. Una vision focalizzata sul mercato e una mission centrata ad una strategia di diversificazione del prodotto, trovando il giusto bilanciamento tra tradizione e innovazione per rafforzare la presenza sul mercato. L’amministratore delegato, il dott. Marco Vespasiano, ha portato la sua testimonianza al workshop dedicato al bakery salato, approfondendo la recente transizione di CRM.

 

L’opera di riorganizzazione è stata messa in atto partendo dall’ingresso di nuove figure manageriali in azienda, con lo scopo di consolidare e sviluppare un mercato ampio e interessante sia in Italia, a cui CRM riconduce l’83% del proprio fatturato, ma anche all’estero dove l’azienda è da qualche anno presente ricavandone circa il 15% dei propri guadagni. Questo è stato possibile grazie all’ausilio di Aksia, il fondo d’investimento che ha supportato CRM nel processo di reinvenzione e miglioramento. Gli investimenti fatti rendono oggi CRM una realtà strutturata in grado di affrontare un mercato in continua evoluzione, che nonostante la pandemia ha ancora margine di crescita.

 

GUARDA L’INTERVENTO DI MARCO VESPASIANO
(Amministratore Delegato – Casa della Piada CRM)

 

I prodotti di CRM rientrano nella categoria della lunga conservazione ma, allo stesso tempo, il loro punto di forza risiede nella scelta degli ingredienti: semplici, genuini e, per citare direttamente Vespasiano, “pochi ma giusti”. Qui giace il plus di CRM, che soddisfa così le esigenze del consumatore. La piadina sta entrando sempre più a far parte del nostro stile di vita quotidiano soprattutto in questo momento di emergenza sanitaria, sostituendo il fast food e favorendo specialità casalinghe che rendono protagonisti questi prodotti. In un’ottica di strategia mirata alla fidelizzazione del cliente, CRM punta alla freschezza e alla semplicità del prodotto offerto al consumatore, puntando ad una visione verticale al fine di rendere accattivante il prodotto, anche attraverso una rinnovazione della brand image. Il rebranding ha permesso di rendere la comunicazione chiara e immediata, due caratteristiche fondamentali che coinvolgono anche lo scaffale. Presentare un assortimento vario ed interessante, nonché innovativo evitando la ridondanza: questa secondo Vespasiano è la corretta strategia per ottenere performance di alto livello.

 

La piadina è sempre stata relegata alla tradizionalità e alla regionalità, ma questo prodotto può essere molto di più grazie alle sue qualità intrinseche, come la versatilità sia in termini di utilizzo che in target di consumo. Per questo Vespasiano tiene a sottolineare quanto la varietà sullo scaffale sia oggi necessaria per dare il giusto risalto alla piadina. Riassumendo con le parole dello stesso amministratore delegato: “Oggi è importante chiarire l’opportunità del prodotto, la semplicità dello stesso, la diversità e la capacità di essere utilizzato in vari momenti della giornata”.

 

 

RIVEDI TUTTO IL WORKSHOP