Scopri Cibus 2022

Cibus ritorna nel 2023 a Marzo dal 29 al 30 con il format Connect

 

Cibus, Salone Internazionale dell’alimentazione è la più importante fiera dedicata all’agroalimentare italiano e appuntamento imperdibile per la tutta la community.

A Cibus istituzioni, associazioni di categoria, aziende e professionisti del settore agroalimentare Made in Italy si trovano per delineare insieme le future strategie per il food business. Il Salone rappresenta un’opportunità per creare e sviluppare relazioni commerciali a livello internazionale, con uno sguardo rivolto al futuro e all’innovazione.

Dove? A Parma, il cuore della Food Valley, conosciuta in tutto il mondo per le sue eccellenze gastronomiche.

VISITATORI ED ESPOSITORI DI CIBUS

Cibus è un evento B2B dedicato a visitatori professionisti, provenienti dai diversi settori di interesse per il settore agroalimentare: GDO, Ho.Re.Ca & Food Service.

Dal punto di vista espositivo, Cibus si rivolge a tutte le diverse realtà produttive dell’industria agroalimentare italiana: grandi players, piccole e medie imprese, produttori di eccellenze di nicchia trovano uno spazio di visibilità a Cibus.

SCARICA IL CATALOGO

Consulta il catalogo online degli espositori che hanno confermato la presenza a CIBUS 2022

QUALCHE NUMERO DELLE EDIZIONI PASSATE

Nel 2018, 82mila operatori professionali e circa 3.000 aziende espositrici.
Nel 2021, la prima edizione post-pandemia ha raggiunto 40mila operatori professionali e ha visto la partecipazione di 2.000 aziende.
Per il 2022, Cibus è ritornato alle date storiche di maggio. 60mila operatori professionali, di cui 3.000 top buyers  e 3.000 aziende, riconfermandosi come evento di riferimento per il food Made in Italy.

CIBUS è eccellenza e la sua storia lo dimostra
Il 1985 vede la prima edizione di Cibus che accoglie appena 100 aziende espositrici e 8,000 visitatori. Dall’anno successivo, Cibus Salone Internazionale dell’Alimentazione, diventa a cadenza biennale, e si afferma nel corso del tempo come fiera imprescindibile degli anni pari.

Cibus è diventato nel corso del tempo un appuntamento sempre più rilevante. Espositori e visitatori già negli anni 90 erano raddoppiati, al punto tale da rendere Cibus la più grande esposizione internazionale dell’authentic italian.

2014
Nel 2014 i visitatori avevano raggiunto quota 67.000, 4.000 in più rispetto al 2012, mentre dal lato espositori, 2,700 aziende agroalimentari avevano garantito la loro partecipazione a Cibus, rispetto alle 2203 aziende di due anni prima. Il 2014 è anche l’anno degli eventi in fiera dedicati all’innovazione, con le esposizioni di novità di prodotto e di aree dedicate al canale Out of Home con chef e cooking station per esibizioni e Educational Session.
2018
Nel 2018 (ultima edizione regolare prima che il Covid-19 cancellasse la edizione 2020) sono stati registrati 3,100 espositori e 82.000 visitatori, di cui 20% internazionali. Il 2018 segna anche un successo in termini di comunicazione e visibilità della manifestazione con oltre 1000 giornalisti dei principali quotidiani, presenti nei 4 giorni di Cibus, dirette televisive e radiofoniche.

Anche il Cibus Buyers program si è rafforzato nel tempo, portando ad un aumento del 27% dei buyers internazionali ospitati, passando da 2200 buyers nel 2016 a 2800 nel 2018, da più di 90 paesi.

QUALCHE CURIOSITÀ SU PARMA

Parma è stata la prima città italiana ad essere proclamata, nel 2015, Città Creativa UNESCO per la Gastronomia. Nel cuore della Food Valley, Parma è da sempre stata una capitale del cibo, famosa in tutto il mondo per le sue prelibatezze DOP e IGP.

A Parma sono presenti produzioni tradizionali e filiere industriali: la filiera della pasta, dei salumi, dei formaggi, delle conserve e dell’ittico mentre le colline parmensi sono famose per la produzione di vini frizzanti.

Con la presenza di questi prodotti di eccellenza sono stati istituiti 8 musei del cibo, a pochi km dalla città, in cui è possibile vedere tutte le tappe della loro produzione.

Ma Parma non è famosa solo per il food, ma anche per la musica e l’arte.

La musica ha sempre avuto una grande fama nella nostra città grazie a Giuseppe Verdi e Arturo Toscanini. Oggi è possibile visitare la casa natale di Verdi a Roncole Verdi, il teatro Giuseppe Verdi e il museo Casa Barezzi a Busseto e nel centro storico di Parma, è presente la casa natale e il museo di Toscanini. Inoltre sono stati istituiti il museo dell’opera e la casa del suono.

Il luogo d’eccellenza per la musica è il Teatro Regio di Parma che è situato in strada Garibaldi proprio nel cuore della città.
A due passi dal teatro è presente il palazzo della Pilotta dove all’interno troverete: il museo archeologico, la biblioteca Palatina, la galleria nazionale in cui sono esposte le opere di Parmigianino e Correggio ed infine, il museo Bodoniano.

Non ti resta che andare a degustare le raffinatezze di Parma ed esplorare posti incantevoli.