La ristorazione che verrà: il punto del settore dopo il Covid-19

Il 17 giugno online, dalle ore 15, il primo Talk promosso da I Love Italian Food in collaborazione con Future Food Network

Il Covid-19 rappresenta un evento inaspettato che ha comportato grandi cambiamenti anche nel mondo della ristorazione, in cui l’esperienza non è solo gastronomica, ma anche sociale. 

L’Ho.Re.Ca è uno dei settori più colpiti dalla crisi: solo in Italia il settore della ristorazione rappresenta il 4% del totale del PIL e il 5% dei posti posti di lavoro, ma con il nuovo scenario a fine 2020 si prevedono perdite per oltre 30 miliardi di euro e 230mila posti di lavoro a rischio (fonte: Bain & Company). Numeri che si moltiplicano esponenzialmente se si considera il numero di ristoranti italiani all’estero. 

In questo momento di incertezze economiche internazionali, I Love Italian Food in collaborazione con Future Food Network ha voluto fare un punto per provare a immaginare come sarà la ristorazione che verrà. 

L’appuntamento è il 17 giugno 2020 dalle ore 15 per i primi 100per100 Italian Talks digitali: dieci ospiti dal mondo per immaginare quali saranno i nuovi modelli di business e i nuovi concept della ristorazione made in Italy (e non solo). Per scoprire gli ospiti e il programma completo, leggi sul sito di I Love Italian Food.

Cibus – che tornerà con Cibus Forum (2-3 settembre 2020) e dal 4 al 7 maggio 2021 con il consueto appuntamento a Parma – insieme a consorzi e aziende del territorio supporta l’iniziativa 100per100 Italian Talks alla quale parteciperà anche Antonio Cellie, ad di Fiere di Parma.

Il Talk potrà essere seguito da tutto il mondo collegandosi alla pagina Facebook di I Love Italian Food, per la diretta in inglese, e sulla pagina Facebook di Dissapore, per la diretta in italiano.

FACEBOOK LINKEDIN