Intervista a Paolo Raia, Managing Director MSC Crociere

Intervista a Paolo Raia, Managing Director MSC Crociere

MSC Crociere: Acquisti massivi di Food&Beverage per una grande ripartenza

 

Con i suoi volumi la compagnia di navigazione MSC Crociere può essere considerata a pieno titolo come un potenziale Cliente in termini massivi del settore Food & Beverage. Sono infatti oltre tremila le referenze F&B che vengono regolarmente acquistate per essere poi lavorate a bordo delle navi da crociera e trasformate in prodotti finiti per i guest; a bordo vengono prodotti in autonomia pane, mozzarella, dolci e molto altro. Una realtà ben descritta da Paolo Raia, Managing Director della divisone genovese che si occupa di tutta la supply chain, nella e-news di Cibus Lab curata da GDONews.

Da circa un anno ho la responsabilità della divisione italiana di Msc – ha detto presentandosi – come responsabile della supply chain delle crociere, compreso il mondo food & beverage sia dal punto di vista degli acquisti Globali che da quello della implementazione del prodotto a bordo delle navi. Noi infatti abbiamo un team di buyer che fanno acquisti in Italia, in Europa e nel mondo a seconda di dove si trovano le nostre navi, a cui si aggiunge un’altra squadra che garantisce l’implementazione del prodotto a bordo. Un team fatto di esperti del food e corporate chefs a livello globale. La grande peculiarità della nostra azienda, con base a Genova è quella di occuparsi della logistica a livello mondiale, non solo per la componente F&B ma per tutte le categorie merceologiche dei prodotti che vanno sulle navi. Dall’hotellerie al mondo shop, dalla spa alle foto passando per la parte tecnica dei pezzi di ricambio. Dal nostro hub ligure vengono quindi consolidate tutte le merci, siano esse deployate in Italia, in Europa o nel resto del mondo. Da qui inviamo containers e truck in ogni luogo”. “Il prodotto viene deciso dalla casa madre di Ginevra – ha spiegato – e noi riceviamo l’input di quello che serve sulla nave. Andiamo quindi sul mercato per ingaggiare i fornitori e trovare le specifiche che ci sono state richieste, definendo lo scenario di fornitura migliore per l’azienda. Da lì in avanti, ci occupiamo anche di tutta la componente logistica, dell’approvvigionamento e delivery alle navi seguendo quindi il processo end to end”.

Come detto la caratteristica del mondo crocieristico è quella di non acquistare – salvo eccezioni – i prodotti finiti ma gli ingredienti per poi lavorarli a bordo a seconda delle necessità.

 

GUARDA L’INTERVISTA DI PAOLO RAIA
(Managing Director – MSC Crociere)

 

Ma come è strutturata la sezione acquisti e come vengono selezionati i fornitori? “La nostra è un’organizzazione matriciale – ha osservato Raia – abbiamo infatti approcciato il mercato in maniera differente a seconda della strategicità dello stesso. Abbiamo diviso i mercati fra quelli in cui siamo più presenti e quindi i volumi sono più rilevanti, e quelli in cui andiamo stagionalmente, quindi in maniera non continuativa, e i volumi sono inferiori. Approcciamo così i mercati più maturi con una logica di categoria di prodotto grazie ad un ufficio acquisti organizzato per categorie merceologiche. Abbiamo quindi il buyer focalizzato sulla carne, sul pesce, quello che si occupa del dairy oppure sul produce, o ancora il grocery e la frutta fresca. Dove invece siamo presenti solo quattro o cinque mesi l’anno, adottiamo una logica più tattica. Solitamente lanciamo dei bid cross categoria merceologica e ci riferiamo a fornitori, principalmente distributori, in grado di garantire il maggior numero di referenze possibile. La terza dimensione della nostra matrice è infine quella globale o regionale, ci sono infatti alcune categorie che ci stiamo sforzando di comprare globalmente, mettendo quindi i nostri volumi a fattore comune. Questo individuando un soggetto che sia in grado di rifornire tutta la flotta ovunque si trovino le navi. Oppure uno regionale che possa darci le materie prime di cui abbiamo bisogno per erogare il prodotto a bordo”.

Una struttura complessa ed efficace che dall’estate scorsa non ha mai smesso di lavorare, dato che Msc è stata l’unica compagnia crocieristica che ha continuato ad operare durante la pandemia. La sua ammiraglia Grandiosa infatti dal 16 agosto 2020 è in navigazione – attualmente nel Mediterraneo – grazie a un protocollo di sicurezza molto rigido che ha garantito la sicurezza a bordo.

 

 

RIVEDI TUTTO IL WORKSHOP